Giogali

Giogali in versione custom illumina il cuore della lobby dello storico Hotel Cafè Royal, che ha riaperto nel 2012 dopo una ristrutturazione conservativa firmata dall’archistar David Chipperfield.

Piccadilly – Londra
Year: 2012
Architect: David Chipperfield Architects – Donald Insall Associates

L’Hotel Café Royal è un hotel a cinque stelle al 68 di Regent Street, Londra.
Prima della sua conversione era conosciuto per essere un rinomato ristorante e luogo di incontri.

Nel 1865 l’edificio è stato acquistato da Daniel Nicholas Thévenon, noto commerciante di vino francese dell’epoca. Egli fu costretto a fuggire dalla Francia per bancarotta. Nel 1863 arrivò in Gran Bretagna con la moglie, Célestine, e solo cinque sterline in contanti. Cambiò il suo nome in Daniel Nicols e iniziò a gestire il Café Royal. In poco tempo riuscì a trasformare questo luogo nella più grande cantina del mondo di quell’epoca.

Nel 1890 il Café Royal era diventato senza alcun dubbio il posto dove vedere ed essere visti.
Molti i mecenate che hanno dato lustro a questa sede come: Oscar Wilde, Aleister Crowley, Virginia Woolf, D. H. Lawrence, Winston Churchill, Noël Coward, Brigitte Bardot, Max Beerbohm, George Bernard Shaw, Jacob Epstein, Mick Jagger, Elizabeth Taylor, Muhammad Ali e Diana, Principessa del Galles.
Il caffè è stato teatro di episodi che hanno segnato la storia inglese come l’incontro del 24 marzo 1895 in cui Frank Harris consigliò a Oscar Wilde di far cadere la sua accusa di diffamazione criminale contro il marchese di Queensberry, il quale fu assolto mentre Wilde fu successivamente processato, condannato e imprigionato.
Nel 1972 la proprietà passo di mano e fu acquistato da David Locke.

Personalità di spicco hanno scelto questa location per ospitare eventi importanti come Kanye West che ha suonato qui nel 2014 quando come DJ in una festa privata con Frank Ocean. E ancora un after-party privato dei British Fashion Awards, organizzato da  Kate Moss e Naomi Campbell con ospiti di fama internazionale come Harry Styles, Cara Delevingne e Rihanna.

Nel dicembre 2008 il Café Royal chiude per 4 anni portando avanti una lunga ristrutturazione conservativa.

Nel 2012 David Chipperfield Architects trasformò lo storico Café Royal nel centro della Londra più cosmopolita, tra Mayfair e Soho, in un albergo di lusso.
Il progetto dello studio Lissoni Casal Ribeiro affiancato da David Lopez QuincocesStefano Castelli Pino Caliandro, si inserisce all’interno di questa riconversione ripensando tutte le aree comuni: lobby, concierge, due ristoranti e un sushi-bar, tutte dettate dal delicato equilibrio tra memoria del patrimonio storico e design contemporaneo.
Mantenendo intatta la struttura storica datata 1865, l’intervento contemporaneo dialoga in maniera delicata con il passato e la forma dello spazio viene modulata in base alle nuove funzionalità.

La lobby diventa un luogo di ampio respiro sfruttando la doppia altezza della struttura, dal soffitto un prezioso chandelier in puro cristallo, un esemplare custom della collezione Giogali di Vistosi.
Giogali è una collezione flessibile perchè il singolo elemento del gancio componibile si presta più di qualsiasi altra collezione alla realizzazione di configurazioni sempre diverse. Un intreccio iconico dove l’artigianalità pura fa da padrona.
L’installazione scende imponente sul tavolo in ottone lucido, il quale invece nasce dal pavimento. L’ottone lucido definisce anche i due grandi parallelepipedi che formano i banconi della reception creando un legame materico con gli elementi decorativi pre-esistenti come i capitelli delle colonne. Dietro la reception il vetro cannettato retro-illuminato esalta ulteriormente l’ambiente. Sempre per l’accoglienza dei clienti, ai lati della reception si trovano le due zone lounge caratterizzate da toni scuri e caldi e, nella stanza adiacente, il concierge dal sapore più intimo, con arredi confortevoli e una biblioteca.

Gallery

Tipologie

Typologies

Sospensioni

Plafoniere

Parete

Terra

Designer

Video

Giogali

Scopri gli altri nostri progetti

You may also like

Puppet Ring

Puppet

Novecento

Puppet Ring

Puppet Ring

Puppet