Roma – Italia
Year: 2024
Interior designer: Veronica Givone, IA Interior Architects

Le lampade Vistosi raccontano la Dolce Vita all’interno del nuovo InterContinental Ambasciatori Palace Roma.
Un progetto curato da Veronica Givone, IA Interior Architects

L’Europa assiste regolarmente all’apertura di nuovi hotel di lusso, soprattutto durante la stagione estiva. Tuttavia, per anni Roma è stata in gran parte esclusa da questo trend. Tutto ciò è cambiato nel 2023, anno di grande fermento nel settore dell’ospitalità nella Città Eterna.

Nel corso del 2023, Roma ha visto l’apertura di numerosi hotel a cinque stelle, vivendo così una sorta di rinascita nell’ospitalità. Tra le nuove aperture spiccano nomi come Bulgari, Six Senses e InterContinental, mentre Rosewood, Edition, Nobu, Baccarat, Mandarin Oriental, Four Seasons e ROMEO apriranno i loro battenti tra quest’anno e il prossimo 2025.

Tuttavia, un hotel di recente apertura si distingue per il suo attento restauro di un edificio storico: il maestoso InterContinental Rome Ambasciatori Palace, inaugurato il 1° maggio 2023.

Situato nella via della Dolce Vita, l’InterContinental Rome Ambasciatori Palace, marchio di lusso di IHG Hotels & Resorts, ha riaperto dopo un importante intervento di ristrutturazione durato due anni e mezzo e costato circa 45 milioni di euro.

L’edificio ospita 160 camere, una ristorazione di alto livello con tre outlet distinti – il ristorante Scarpetta NYC, il lounge bar Anita e il suggestivo rooftop bar Charlie’s all’ultimo piano, completamente rivestito in vetro e con vista mozzafiato, un’area benessere e fitness, una sala meeting e si presenta agli ospiti in una veste totalmente rinnovata, caratterizzata da uno stile classico sofisticato ma senza eccessi.
Un lusso contemporaneo sussurrato, lontano dall’overdesign, in cui spicca l’estrema cura dei particolari e l’uso di forniture di eccellenza made in Italy, nonché la sapiente abilità artigiana tutta italiana.

Il progetto di ristrutturazione è stato curato da IA Interior Architects, in particolare da Veronica Givone, managing director of hospitality, che per il concept del luxury hotel ha tratto ispirazione dal genius loci e da Via Veneto, con il suo richiamo alla dolce vita, meglio rappresentata dall’omonimo film di Federico Fellini.

Vistosi è stata scelta come fornitore per l’illuminazione decorativa in molti ambienti. Armonia in versione applique trova spazio nella sala meeting e ristorante, Giogali in versione sospensione color ambra nel salone principale davanti alla grande scala, Jube sia tavolo che sospensione nelle reception.

La collezione Giogali è un tributo alla flessibilità e all’eleganza del vetro. Progettata dall’architetto Angelo Mangiarotti negli anni ’60, questa serie è caratterizzata da elementi in vetro di Murano agganciati manualmente per formare strutture luminose che sembrano fluttuare nello spazio. Le configurazioni possono variare da semplici sospensioni a complesse installazioni, rendendo ogni pezzo una dichiarazione di personalità. Giogali è indirizzato a un pubblico che apprezza il design iconico e la storia. Questi lampadari sono perfetti per ambienti domestici sofisticati, ma trovano la loro massima espressione in spazi pubblici come hotel di lusso, ristoranti gourmet e sale da concerto, dove possono diventare veri e propri punti focali dell’arredamento.

Vistosi non si limita a illuminare spazi attraverso le sue collezioni, celebra la bellezza intramontabile del vetro di Murano, creando atmosfere indimenticabili. Ogni pezzo è una testimonianza dell’abilità artigianale italiana, progettato per chi non si accontenta di meno della perfezione e cerca un’illuminazione che sia allo stesso tempo funzionale e straordinariamente bella come testimonia la collezione Armonia che fonde elementi contemporanei con una ricca storia nella lavorazione del vetro, includendo tecniche tradizionali come il balloton e il rigadin dritto e ritorto.
Una delle novità più affascinanti di questa collezione è rappresentata da una sospensione di grandi dimensioni, caratterizzata da una montatura di forma ovale che sorregge quattro cilindri colorati e finemente lavorati in puro cristallo. Questa nuova disposizione offre una combinazione perfetta di percezioni visive e tattili, creando un impatto decorativo ed emotivo di grande intensità.
Le tecniche di lavorazione del vetro utilizzate nella collezione richiamano la tradizione e l’artigianato di Murano. Il balloton, che conferisce al vetro un rilievo incrociato per un effetto ottico unico; il rigadin, un disegno tradizionale rigato, dritto e ritorto, che in passato adornava le suppellettili in vetro di Murano per creare effetti di rifrazione della luce; e infine, la nuova lavorazione a rombo allungato.
La combinazione di colori e le tecniche artigianali utilizzate rendono la luce diffusa dalla collezione Armonia estremamente avvolgente, sia nelle versioni a sospensione che a parete.

La collezione Jube evoca un suggestivo gusto vintage attraverso quattro tipologie di lampade: sospensione, parete, tavolo e terra, tutte dotate di sorgente luminosa LED. Caratterizzata da un’eleganza senza tempo, Jube si distingue per le sue finiture raffinate e la sua attenzione ai dettagli. Le lampade Jube presentano diffusori in vetro soffiato disponibili in tre dimensioni e cinque affascinanti colorazioni: fumé, terra bruciata, verde antico, cristallo e ametista. Inoltre, le due dimensioni più grandi offrono la possibilità di accostare un secondo diffusore in vetro bianco, creando un effetto di continuità e armonia visiva. Le finiture metalliche, che includono oro satinato, acciaio satinato e ora anche nero opaco, aggiungono un tocco di raffinatezza alla collezione. Jube si distingue per la sua versatilità, adattandosi perfettamente a diverse tipologie di ambienti e stili grazie al suo design essenziale ed elegante. L’utilizzo di tecnologia LED garantisce un’illuminazione efficiente e di alta qualità, contribuendo a creare un’atmosfera accogliente e raffinata.

Veronica Givone racconta: “Mi sono innamorata dell’edificio sin dal momento in cui l’ho visto nel 2018. Da allora, l’intero team ha lavorato intensamente per rinnovare, progettare, curare e creare l’armonia perfetta per far vivere agli ospiti l’intramontabile eleganza dell’artigianalità italiana.”

Preservando il novanta per cento della struttura originaria, il progetto ha minimizzato l’impatto ambientale e dato priorità alla sostenibilità, eliminando i serbatoi di gas seppelliti negli anni ’40 e riducendo al minimo l’uso di materiali insostenibili.

L’InterContinental Rome Ambasciatori Palace si distingue così come un esempio di progettazione e costruzione responsabile nel settore dell’ospitalità, mantenendo viva l’eredità storica della città eterna e celebrando l’artigianalità italiana.

Clicca qui per esplorare il progetto

Clicca qui per leggere un’intervista con la designer

Gallery

Tipologie

Typologies

Sospensioni

Designer

Angelo Mangiarotti

Video

Scopri gli altri nostri progetti

You may also like

Diadema

Puppet

Puppet Ring

Diadema